Monza 2017: Pole position per Lewis Hamilton

Monza 2017: Pole position per Lewis Hamiltonhttp://www.autopinmoto.it/home/wp-content/uploads/2017/09/formula206.jpghttp://www.autopinmoto.it/home/wp-content/uploads/2017/09/formula206.jpg

Nelle qualifiche di Monza ad imporsi è stato Lewis Hamilton: sarà il pilota inglese a scattare dalla pole position nel Gran Premio d’Italia, tredicesima prova del mondiale 2017 di Formula 1. 1’34″660 è il crono colto dall’alfiere della Mercedes, al sessantanovesimo acuto al sabato in carriera e all’ottava stagionale. Hamilton è sempre più l’uomo dei record: oltre a prendere il comando solitario della classifica dei poleman più prolifici di tutti i tempi, il britannico diventa il primatista assoluto di partenze al palo a Monza. Questo risultato si è decisamente fatto attendere: il meteo, infatti, ha allungato a dismisura le tempistiche della lotta per la partenza al palo.

A Monza, per la prima volta dopo nove anni, le qualifiche sono state disputate su pista bagnata: i piloti si sono trovati a girare sotto la pioggia dopo aver inanellato pochissime tornate in queste condizioni nelle FP3. Un compito non certo facile, per gli alfieri in lizza, scesi in pista con le gomme full wet. Nella Q1 le condizioni erano decisamente proibitive: Romain Grosjean è finito a muro sul rettilineo principale a 13 minuti dalla fine della prima tranche delle qualifiche. L’incidente del francese, causato dall’aquaplaning, ha spinto i commissari a sventolare bandiera rossa. Bernd Maylander, chiamato ripetutamente a saggiare le condizioni della pista, le ha giudicate proibitive, e la ripresa della sessione è stata rimandata di un quarto d’ora per diverse volte.

Dopo oltre 60 minuti dallo stop dell’attività in pista, le precipitazioni si sono ulteriormente intensificate, rendendo ancora più impervie le condizioni del circuito, specie per monoposto a basso carico aerodinamico, configurazione necessaria per ben figurare a Monza. Una breve finestra per scendere in pista, in verità, c’è stata, ma Charlie Whiting non ne ha approfittato. Dopo l’incidente di Bianchi, l’atteggiamento della direzione gara in caso di pioggia si è fatto decisamente più cauto. Finalmente, dopo oltre due ore e mezza dalla bandiera rossa, l’attività in pista è ripresa. Già verso la fine della Q1, i piloti sono scesi in pista con le intermedie, ma la pioggia ha ricominciato a cadere all’inizio della Q2, specie alla Parabolica.

Categories:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: